Allenamento funzionale

Prendo a prestito l’articolo dell’amico Federico Saccani,per parlare di una tipologia di allenamento che ora è molto di moda.ma forse è la composizione “Allenamento funzionale”,che ha un bel suono e piace molto,quindi viene usata senza ben sapere cosa sia….suona bene!

L’Allenamento Funzionale è una qualsiasi modalità di allenamento (e ci tengo a sottolineare qualsiasi, con buona pace di tutti i Crossfitter de no’artri) utile ad implementare la capacità di svolgere le attività fisiche quotidiane, lavoro o sport che siano, utilizzando un approccio globale al condizionamento o, eventualmente, alla rieducazione o riabilitazione post infortunio.

Si, capisco, come al solito provare a dare delle definizioni a qualcosa di così complesso è impresa titanica e di sicuro insuccesso, ma se non altro, mette qualche piccolo paletto a ciò di cui stiamo parlando.

“ Tutto è funzionale, nulla è funzionale, è il programma che rende l’allenamento funzionale”; provando a parafrasare Paracelso (tutto è veleno, nulla è veleno, è la dose che fa il veleno), scopriamo una parola importante – programma – evidenziando così come l’allenamento funzionale non sia una sommatoria di movimenti più o meno stravaganti (you tube docet), bensì lo studio e la creazione di una ben precisa strada da seguire, disegnata sulle esigenze, sulla struttura, sul modo di porsi, sui desideri, ecc … dell’utente che stiamo allenando.

I “sacri testi” evidenziano delle linee guida per la costruzione di un programma di allenamento funzionale [1]:

  • Definizione di un obiettivo
  • Valutazione
  •  Ricerca di stabilità e del bilanciamento muscolare
  •  Ricerca di mobilità e dell’arco di movimento utile
  • Ricordo dei 7 movimenti primordiali (ogni movimento che il nostro corpo è in grado di compiere può essere scomposto in uno o più movimenti fondamentali: accovacciarsi, inginocchiarsi compiendo un passo avanti, spingere, tirare, chinarsi, girarsi, camminare o correre (o qualunque forma di andatura terrestre)
  • Ricerca di adeguati livelli di forza e potenza
  • Integrazione di tutti gli elementi

Ecco come l’allenamento funzionale prende vita in maniera più precisa, esulando da improbabili video dove il belloccio di turno asseconda i desideri della cyber-folla esibendo evoluzioni degne del Circo Togni, ma funzionali come un dito in un occhio. Nulla da stupirsi, i Freak Show hanno sempre attirato e continuano a farlo, evidentemente, numeroso e festante pubblico.

Viste le linee guida diventa interessante anche delineare le basi del programma di allenamento funzionale [1-2]:

Basi: core (enfasi su esercizi che attivino o meglio, pre-attivino, la muscolatura profonda, migliorando la connessione tra “estremità superiori” ed “estremità inferiori” del corpo, evitando sprechi di energia e consentendo la trasmissione del carico attraverso il sistema), postura dinamica, equilibrio (e disequilibrio), trasferimento dell’energia (attraverso il core, tra “sopra” e “sotto” e viceversa), gravità, tridimensionalità.

Viene da sé come la proposta di esercizi possa dunque arricchirsi di peculiarità. Porre enfasi sul core, su l’esecuzione di movimenti multiplanari e multiarticolari compiuti a diverse velocità e in condizioni di precario equilibrio utilizzando gli arti in maniera asimmetrica e ricorrendo a schemi motori “incrociati” (il core punto di torsione di uno schema motorio incrociato spontaneo come la corsa, per esempio) acquista come obiettivo ultimo la ricerca di rendere allenabili e adattabili tutte le componenti della performance, per tutti i tipi di performance. Differenziare ogni intervento per ogni persona: allenare la funzionalità dell’atleta e quella della signora che vuole portare senza soffrire le borse della spesa, ad esempio; esigenze diverse, ma obiettivo finale unico, essere più “performanti” in ciò che si vuole fare; specificità, ma allo stesso tempo multilateralità di proposte, per ampliare il più possibile il patrimonio motorio e, quindi, le situazioni allenanti. Il concetto di funzione utilizza quindi un approccio integrato, opposto ad “isolato”; allenare secondo la funzione significa allenare con variazioni per ottenere un obiettivo specifico sfruttando così la “saggezza” del corpo [3]. Costruire allenabilità e non solo allenamento [1], per garantire possibilità di progredire e favorire una migliore connessione corpo – mente (respirazione, controllo, precisione, concentrazione).

Detto ciò vediamo come perdono un po’ senso tutti i vari corsi di “Funzionale” che prendono misteriosamente (magie del marketing) vita nelle palestre. Proporre una routine di esercizi ad un gruppo eterogeneo di persone può essere utile, forse, a livello generale (stato di forma, benessere), ma smarrisce l’obiettivo per il quale è stato costituito: l’Allenamento Funzionale … NON Funziona.Così come perdono un po’ di ragione d’essere quelle discipline (qualcuno li chiama sport …) nate da un’estremizzazione del Functional Training, il CrossFit per esempio (notate come sono passato a terminologie anglofone, per non stonare citando il CrossFit 😉 ), dove l’esecuzione fine a se stessa (e il mega giro di parole al vento ad ingigantire il business legato ad un marchio) predomina decisamente sulla qualità del movimento sulla specificità dello stesso e sull’individualizzazione del programma. Tutto fuorché “Functional”, insomma

Torniamo a noi.

Allenare è difficile.

Processo creativo su base scientifica, che richiede fantasia ed entusiasmo. Questo vuol dire allenare. Dietro ad ogni allenamento ci deve essere un pensiero, una riflessione, una serie di domande alle quali l’allenamento stesso deve essere la risposta. Od il tentativo di risposta.

La bellezza nell’affrontare la costruzione di un programma di allenamento è la sfida che esso propone. Significa inserirsi (empaticamente parlando) nella vita di un’altra persona e da questa provare a tirare fuori il meglio (educare – e-ducere, condurre fuori), che sia un triathlon IronMan o semplicemente salire le scale senza fiatone, che sia disegnare un fisico possente e muscoloso o un cuore e una mente capaci di sopportare ore di corsa nei sentieri. Questo è allenare; i giocolieri del web li lasciamo roteare i loro sacchi di sabbia o sollevarsi in verticale sul dito indice come Kenshiro, non ci interessa. Noi apriamo i libri, mettiamo in pratica, studiamo, leggiamo, ci muoviamo, facciamo muovere, possibilmente sempre sorridendo, perché vivere è un regalo che merita un sorriso.

Non fermatevi alle apparenze, come sempre l’informazione non è conoscenza.

SL.A.

Prima che una persona studi lo Zen,
i monti sono monti e le acque sono acque; dopo una prima occhiata alla verità dello Zen,
i monti non sono più monti e le acque non sono più acque.
Dopo l’illuminazione, i monti tornano a essere monti e le acque a essere acque.
Detto Zen


GUARDA I SEGMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *